giovedì 22 settembre 2011

Picnic? Marie Turnor

No, non è un sacchetto di carta. E’ la borsa Picnic di Marie Turnor, la linea di accessori creata dalla designer californiana Beth Goodman, che agli eccessi e alle esagerazioni contemporanee risponde con un ritorno alla semplicità e al minimalismo puro. E cosa c’è di più essenziale e pulito di una busta arrotolata di carta marrone? Niente. Ed ecco qui questa pochette, in pelle con chiusura a magneti, che sembra uno di quei sacchetti fragilissimi in cui solitamente si mette il pranzo o la merenda  (il nome non è casuale) ma che invece di cibarie contiene unicamente trucchi, agendina e cellulare. L'originale Picnic è in tan (fedele al suo concept originario), ma ne esistono anche delle versioni colorate, in rosso, bianco e nero. Personalmente la trovo molto originale, un accessorio semplice ma ricercato. A me piace.







6 commenti:

  1. Uhm.. non mi convince ad essere sincera. E poi, anche solo per il fatto di non avere tracolla o manico deve essere di uno scomodo allucinante. No?

    RispondiElimina
  2. @Sim. Filosofia della pochette.
    @hotstylebyme. Oui, c'est très chic!!

    RispondiElimina